Stare bene con l’arte

Fiabe a tavola

Laboratorio per genitori e bimbi (3-5 anni)

“Raccontare storie può essere facile e divertente…. come fare una frittata o una ciambella con il buco tondo…piena di zucchero…” Sofia, 5 anni

La proposta di un laboratorio per genitori e bimbi insieme nasce dalla volontà di andare incontro alla necessità ed al desiderio di tanti genitori, di apprendere tecniche specifiche sul “COME SI RACCONTANO LE STORIE” ai bambini, sul come renderle più coinvolgenti, efficaci e divertenti. E, perché no, sul come “inventare storie”. Molti genitori hanno infatti il grande desiderio di condividere momenti creativi in famiglia con i propri bimbi, ma, a volte, soprattutto in città, non si ritrovano senza stimoli interessanti alternativi alle visione di un film e di qualche gioco “solitario” o che per i bimbi è “noioso”.

Il grande ruolo educativo delle fiabe, combinato con i sapienti strumenti del “teatro” ci permette di fare in modo che l’apprendere una tecnica diventi un modo perché bimbi e genitori condividano un tempo di qualità, insieme ad altre famiglie. Il tema intorno a cui verterà il laboratorio (e le fiabe narrate ed inventate, dunque) è il tema del CIBO: si tratta di un tema quotidiano, che permea la vita di tutti i giorni e lascia spazio per la condivisione anche a casa, di momenti di convivialità e condivisione.

I laboratori di un’ ora e mezza ciascuno, saranno così strutturati: – accoglienza e gioco rituale iniziale (prepararsi al teatro) – racconto di una storia dal parte della formatrice (con musica dal vivo, e l’utilizzo di oggetti “magici” legati alla cucina) – improvvisazione legata ai personaggi della storia (reciteranno insieme genitori e bambini) – composizione e canto della “canzone finale” – saluti e chiusura Il numero di incontri previsti è 4, con cadenza settimanale i venerdì di novembre 2020 dalle 16.30 alle 18 (numero minimo di partecipanti 6, numero massimo 10 – coppie di bambini + genitori) Ai partecipanti sarà richiesto ogni volta di portare un oggetto speciale della propria cucina oppure un disegno che rielabori l’esperienza vissuta, così da restituire continuità ed integrazione con i processi educativi già in atto.

 

Arte per tutti

Il corso si rivolge a chi ama, lavora o vive a contatto con l’arte (teatro, poesia, pittura, scultura, fotografia, musica) o vorrebbe entrare in contatto con la creatività partendo dal punto di vista del teatro. Il percorso fornisce un approccio allo studio delle regole di base del linguaggio teatrale: la prontezza (o presenza, come viene chiamata in termine scenico) è la prima e imprescindibile attitudine e competenza che un allievo di recitazione deve acquisire. Il corso si propone per questo di far sviluppare la consapevolezza della propria qualità di presenza e di portarla verso l’acquisizione di ‘doti’ che la rendano comunicativa e vibrante, diversa da quella quotidiana. Si tratta di un percorso esperienziale che coinvolgerà gli allievi sul come diventare un “opera d’arte”: prevede l’utilizzo di tecniche teatrali per un approccio efficace al mondo della fantasia collegato agli stimoli dei linguaggi della musica, della poesia, della scultura, della pittura e della fotografia.

L’obiettivo è di suggerire ed innescare una pratica di ascolto/osservazione e di studio delle opere d’arte, che miri a creare in aula un “laboratorio espressivo” di guidato da un esperto. Il fine ultimo è che gli allievi, sperimentando le arti attraverso l’ascolto, l’osservazione e la “immedesimazione” durante il laboratorio, possano utilizzare gli strumenti appresi come chiavi concrete per : – una maggiore espressività fisico/corporea – uno sviluppo dell’immaginario ed un allenamento alle regole della “fantasia” – un approccio creativo alla presenza (scenica e non) ed alla ideazione di progetti artistici originali (recitazione, pittura, musica, poesia, fotografia, scultura, architettura) – strumenti di maggiore consapevolezza dell’organicità dello strumento Corpo/Voce Lo scopo è di attivare un processo ad un livello profondo (come d’elezione il lavoro sul corpo sa bene indurre): allenare la fantasia, l’intuizione e la scoperta della fisicità delle arti consentirà la fruizione diretta delle opere analizzate e faciliterà le connessioni con gli strumenti di crescita personale proprie delle tecniche specificamente teatrali, aprendo a nuove possibilità di coinvolgimento ATTIVO degli allievi.

Il laboratorio consisterà dunque in un percorso fisico-sensoriale condotto attraverso gli strumenti del teatro, che porterà gli allievi a sperimentare con il proprio corpo le “possibili variazioni energetiche” degli elementi: suono, colore, parole, spazio. Come esploratori, scienziati ed attori gli allievi saranno condotti a DIVENTARE ARTE, a percepire – con corpo e mente ricettivi – le sensazioni ed i movimenti interni che la suggestioni sensoriali delle opere d’arte avviano nell’immaginazione e nell’espressione.

Metodologia di lavoro:

• esercizi di riscaldamento e concentrazione (training corpo e voce)

• sviluppo delle variabili fisico/vocali di ritmo, tono e volume in relazione alle composizioni artistiche

• consapevolezza del movimento in ogni suo sviluppo: movimento e pause/ pieni e vuoti/ musica e silenzio/ bianco e nero

• cosa è una azione (l’azione quotidiana ed il gesto artistico)

• improvvisazioni strutturate a partire da quadri, fotografie, testi, poesie, musiche

• la recitazione come arte (confronto e contaminazione con poesia, pittura, architettura, fotografia e musica)

QUANDO: giovedì dalle 9.45 alle 11.45 a partire dal 1 ottobre. massimo 6/8 persone

 

Lezioni individuali di – voce e dizione – canto – recitazione

orari da concordare

Laboratori a cura di

Eleonora Moro

Regista, musicista ed insegnante di tecnica vocale

Bio

Informazioni e prenotazioni

olistico@liberosentiero.it
Tel. 340 6898070